Re de Turriac

cover_redeturriacRe de Turriac: the best of Claudio Marongiu (2012)
Marongiu è tornato. Sempre fedele al suo stile, questa volta si è autoproclamato sovrano del rock’n’roll bisiaco: è infatti uscito Re de Turriac – The Best of Claudio Marongiu, disco autoprodotto che celebra i primi quattro anni della sua carriera.

Provocatorio fin dalla copertina, Re de Turriac non è un semplice Best of: raccoglie le migliori canzoni di Marongiu ri-suonate con la maturità artistica di oggi e ri-registrate in alta qualità, tre brani completamente inediti e un intero “Lato B” di bonus tracks mai apparse in un suo cd ufficiale. In tutto 22 canzoni che spaziano dal rock al blues del Delta (dell’Isonzo), in una folle carrellata di tutti i suoi progetti musicali. Ci sono gli Sporcaccioni, storica band principale di Marongiu, i Prepotenti, power trio dalle sonorità hard-rock, i Muleti de Via Cosani, gruppo “garage” di giovani musicisti, la Banda Fratelli, fieramente classificata ultima al CantaFestival della Bisiacaria 2010 e i Fioi dell’Isons, duo acustico che rivisita i classici del blues del Mississippi. Non mancano noti musicisti locali in veste di ospiti d’eccezione: Luca Sterle dei The Rebus ai cori, Norberto “Norby” Violano alla chitarra e Irene Topan ai cori. Un disco di rock genuino destinato a diventare un piccolo feticcio per tutti i cultori marongiani.

Un percorso artistico, quello di Marongiu, unico nel suo genere, segnato all’urgenza espressiva, dal grande lavoro di ricerca musicale e da una passione viscerale per il rock’n’roll. Cinque band nel giro di quattro anni, decine di canzoni e centinaia di concerti, urlati rigorosamente in dialetto bisiaco e conditi da comicità folle, provocazioni, nonsense e comizi demenziali. Un curriculum musicale segnato da successi, come il tutto esaurito al PieffeFactory di Lucinico nel 2009 per il “Marongiu & Friends”, ma anche dalle polemiche e dalle accuse di volgarità in seguito all’esibizione piuttosto moderata (per i suoi standard) al Rocca Rock 2010 in Piazza a Monfalcone, da cui Marongiu esce a testa alta ringraziando per la pubblicità gratuita.

Stampato in 500 copie, Re de Turriac è disponibile ai concerti di Marongiu oppure scrivendo una mail ad [email protected]: il nostro eroe promette ai suoi fan che consegnerà personalmente il cd a domicilio.

* * *

TRACKLIST
LATO A – THE BEST OF

> Marongiu & i Sporcaccioni
01. Marongiu Xe Tornà In Paese (Inedito)
02. Stufo (Inedito)
03. Rock’n’roll
04. Mama Blues
05. Colonnello

> I Prepotenti
06. I Miei Incubi Peggiori
07. Sfigà
08. Al Fio De L’isons

> I Muleti de Via Cosani
09. Muleto Timido
10. Dame Amor
11. Mulet De Console (Inedito)

LATO B – BONUS TRACKS

> Don Marongiu & la Banda Fratelli
12. L’omo De Provincia
13. La Montagna
14. Al Primo Derby (Tra Bean E Turriac)

> I Fioi dell’Isons
15. Cannoncino Birichino
16. Son Stonà
17. Al Porselet
18. L’affitt
19. No Pos Tignir Dur
20. Xe Un Cortel In Cusina

> Marongiu & i Sporcaccioni
21. La Ballata Disperata
22. Virgilio

* * *

Precedente Imparando a cagar Successivo Marongiu & i Sporcaccioni - "Colonnello" live feat. GiulyAno Laidos (5/9/2014)